blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Vivere a Barcellona

Giorni festivi a Barcellona

shbarcelona-giorni-festivi-mercè
Fabia
Scritto da Fabia

Se sei appena arrivato a Barcellona forse non sai ancora che la Spagna è formata da 17 comunità autonome. La Catalogna, la comunità autonoma con Barcellona come capitale, ha giorni festivi propri, diversi dal resto della Spagna. In questo articolo di ShBarcelona troverai un calendario dei giorni festivi sia in tutta la Spagna sia in Catalogna.

Articolo correlato: Tradizioni spagnole in Catalogna

I giorni festivi e le feste tradizionali in Catalogna

shbarcelona-giorni-festivi

Foto via Pixabay

I giorni festivi nazionali, che sono gli stessi per ogni comunità autonoma presente in Spagna sono: 1 gennaio (San Silvestro), 6 gennaio (Epifania), Domenica di Pasqua, 19 marzo (Festa del Papà), 1 Maggio (Festa dei Lavoratori), 15 agosto (Assunzione di Maria), 12 ottobre (Festa Nazionale Spagnola), 1 novembre (Ognissanti), 6 dicembre (Giorno della Costituzione), 8 dicembre (Immacolata Concezione), 25 dicembre (Giorno di Natale). Invece i giorni festivi presenti solo in Catalogna sono: Lunedì dell’Angelo, 23 aprile (Sant Jordi), 24 giugno (Sant Joan), 11 settembre (La Diada), 24 settembre (La Mercé), 26 dicembre (Santo Stefano). A queste date che ogni anno sono sempre le stesse si aggiungono le date delle festività di Pasqua che cambiano ogni anno. In Catalogna, come in Italia e diversamente dal resto della Spagna, il Lunedì dell’Angelo è un giorno festivo. Per alcuni anni c’è stato un grande dibattito interno riguardo alle date dei giorni festivi: il governo,le aziende e i sindacati hanno deciso di risolvere questo problema emendando la legislazione e cambiando alcune delle festività che ricorrono durante la settimana. Quindi il 15 agosto, il 1 novembre e il 6 dicembre sono giorni festivi che potrebbero cambiare nei prossimi anni.

shbarcelona-giorni-festivi-barcellona

Foto via Pixabay

Per quanto riguarda la città di Barcellona, ci sono ulteriori giorni festivi che si festeggiano sono nella capitale catalana in cui hanno grande importanza. È il caso del 12 febbraio, giorno dedicato a Santa Eulalia, la santa protettrice di Barcellona. Questo giorno festivo è dedicato alle arti e alla scienza e molti palazzi della città e musei possono essere visitati gratuitamente. Il 23 aprile, è Sant Jordi, una festa che può sembrare simile a San Valentino, ma in realtà è la festa del libro più importante della Catalogna. In questo giorno le coppie si scambiano regali, ma non regali qualsiasi, agli uomini si regala un libro e alle donne una rosa. Questa festa ha la sua origine in un insieme di tradizioni di epoche diverse: la festa di Sant Jordi patrono della Catalogna, la famosa leggenda di San Giorgio e il drago, e l’abitudine medievale di visitare la cappella di Sant Jordi, dove si organizzava una fiera delle rose. Una giornata importante per la cultura è sicuramente il 18 maggio, Giornata dei Musei. In questa data tutti i musei di Barcellona sono aperti gratuitamente per dare libero accesso alla cultura della città e della Catalogna.

Articolo correlato: Caga tió, una tradizione di Natale tutta Catalana

Quella tra il 23 e il 24 giugno è la notte più lunga dell’estate. Durante la Revetlla de Sant Juan y Sant Pere la popolazione paga un tributo alle streghe accendendo grandi falò nei parchi e sulle spiagge, con fuochi d’artificio, petardi, e picn-nic. Nelle due settimane centrali di agosto invece si celebrano le Fiestas de Gràcia: ogni zona del quartiere di Gràcia crea la propria decorazione, la più bella viene premiata dal comune di Barcellona. Questa festa è anche un’occasione per partecipare a varie attività e concerti dal vivo in questa zona della città.

*Main photo by MiquelGP54 via VisualHunt

Vota questo post

Circa l'autore

Fabia

Fabia

Fabia è una traduttrice e content writer italiana che vive a Barcellona. Le sue vere passioni sono il viaggio, le lingue straniere e la lettura.

Lascia un commento