blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Raccomandazioni

Bere assenzio a Barcellona

shbarcelona-assenzio-barcellona
Fabia
Scritto da Fabia

L’assenzio è una bevanda alcolica dalla storia lunga e tormentata: divenne popolare e molto usato all’interno della scena artistica e letteraria dell’Europa del 19° secolo, ma fu poi proibito nel 1915. L’assenzio è tornato di moda dal 1990, soprattutto a Barcellona. La fama di questa bevanda deriva proprio dal suo grado alcolico, tra i 45 e gli 89.9 gradi.

Articolo relazionato: Bere un Vermouth a Sant Antoni

Come si beve l’assenzio?

shbarcelona-bere-assenzio-barcellona

Photo by Mark Howard via VisualHunt

Consumare assenzio è un rituale culturale che richiede una giusta preparazione della bevanda stessa. A Barcellona si preferisce la preparazione in stile bohémien: l’assenzio viene versato direttamente sopra un cubetto di zucchero appoggiato su un cucchiaino forato posto sopra il bicchiere, la bevanda viene così assorbita dallo zucchero a cui poi viene dato fuoco. Infine, per spegnere la fiamma, si versa una piccola quantità d’acqua sullo zucchero. La bevanda diventerà di un colore verdastro.

L’assenzio a Barcellona

Secondo l’opinione di molti, a Barcellona ci sono solo 4 bar in cui vale la pena consumare assenzio. Questi bar sono molto orgogliosi della qualità del proprio assenzio e lo servono nel modo più tradizionale omaggiando una cultura storica che rende l’assenzio una bevanda da ammirare e rispettare.

Absenta Bar

Absenta Bar è aperto dal 1892 e regala una sfumatura bohémien alla cultura dell’assenzio. Da questo bar sono passati personaggi di ogni genere all’inizio del 20°, da artisti a contrabbandieri, ed è sopravvissuto a bombardamenti e raid della polizia. L’ambiente è molto più piacevole adesso, con un’arredamento devoto all’arte, alla musica e alla cultura dell’assenzio. Qui vengono servite le migliori varietà di assenzio e una grande quantità di cocktail a base di questo alcolico.

Bar Marsella

shbarcelona-consumare-assenzio-barcellona

Photo by Simon Wicks via VisualHunt

Bar Marsella è uno dei bar d’assenzio più antichi di Barcellona. Aperto dal 1820 si vanta di aver servito assenzio ai nomi più noti della città come Dalí, Hemingway e Picasso. Il bar è stato anche scelto per girare una scena del film di Woody Allen, Vicky Christina Barcelona. La storia del Bar Marsella viene ancora raccontata all’interno delle sue mura tra le quali si intravedono mensole polverose, specchi ormai sciupati e candelabri pieni di ragnatele. Il bar è molto popolare tra autoctoni e turisti, con un’atmosfera che sembra quasi essersi dimenticata dello scorrere del tempo.

Articolo relazionato: Dove bere il miglior mojito a Barcellona

Absenta del Raval

Absenta del Raval è il fratello minore di Absentha Bar, si tratta di un bar di tapas e ristorante dall”atmosfera vivace. Qui si possono gustare cibi italiani e argentini accompagnati da tapas tradizionali catalane ad un prezzo davvero ridotto. Il bar offre anche una grande varietà di assenzio, cocktail e spesso ospita concerti live di musica jazz e blues.

Bar Pastís

Bar Pastís è un locale dallo stile barocco-bohemién in cui si mischiano la musica blues e latina. Nonostante sia famoso per il suo pastís, qui viene servito anche l’assenzio. Il bar ha rischiato la chiusura diverse volte, ma continua ad andare avanti di fronte a una Barcellona sempre più moderna e gentrificata che a volte rischia di perdere la propria cultura tradizionale. Questo bar merita davvero la pena di essere visto prima che sia troppo tardi!

Pianifichi un viaggio a Barcellona? ShBarcelona è disponibile per aiutarti a trovare i migliori appartamenti in città.

*Main photo by agroffman via VisualHunt

Bere assenzio a Barcellona
5 (100%) 1 vote
(Visited 6 times, 1 visits today)

Circa l'autore

Fabia

Fabia

Fabia è una traduttrice e content writer italiana che vive a Barcellona. Le sue vere passioni sono il viaggio, le lingue straniere e la lettura.

Lascia un commento