blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Alloggiare a Barcellona

Lasciare un appartamento in affitto – Cosa fare?

Fabia
Scritto da Fabia

Sempre più persone scelgono di affittare casa a Barcellona invece di comprare, soprattutto perché i requisiti richiesti dalle banche per accedere ad una casa di proprietà sono molto difficili da soddisfare. Le varie alternative come gli affitti a lungo termine (più di due anni), gli affitti turistici (giorni o settimane) oppure gli affitti a breve termine (da alcune settimane a 12 mesi), fanno sì che sia presente una grande rotazione all’interno del mercato degli affitti a Barcellona. In molti sanno di cosa si ha bisogno per affittare un appartamento, ma qualcuno potrebbe non sapere quali sono i passi necessari da seguire per lasciarne uno; noi di ShBarcelona abbiamo deciso di parlartene oggi in questo articolo.

Articolo correlato: Ristruttura la tua casa per affittarla

Interrompere un contratto d’affitto a Barcellona

shbarcelona-lasciare-appartamento

Foto via Pixabay

Ogni contratto d’affitto presenta condizioni diverse in relazione al tipo di affitto che si cerca. Ad esempio gli affitti turistici, molto in voga a Barcellona, hanno una durata che va da qualche giorno ad alcune settimane, con un contratto stipulato previamente. Solitamente si paga un acconto in anticipo e si completa il pagamento alla fine del soggiorno, quindi si lascia l’appartamento accertandosi che sia in buono stato e si restituiscono le chiavi. Per quanto riguarda gli affitti a breve termine si segue lo stesso procedimento: quando il contratto finisce si lascia l’appartamento e se invece si vuole prolungare il soggiorno si firma un nuovo contratto. Lo stesso accade con gli affitti a lungo termine, anche se in questo caso l’uso è quello di prolungare il contratto finché l’inquilino non decide di lasciare l’appartamento. Ed è proprio in questo caso che possono sorgere dubbi e incertezze.

Articolo correlato: Voglio trasferirmi a Barcellona. Cosa devo fare?

shbarcelona-lasciare-appartamento-affitto

Foto via Pixabay

Quando un inquilino decide di interrompere un contratto d’affitto, prima di tutto deve avvisare il proprietario con dovuto anticipo (di solito il tempo di preavviso è indicato sul contratto). Se si decide di lasciare l’appartamento prima della fine del contratto, si rischia di venire penalizzati, anche se se in questo caso dovrebbe essere specificato sul contratto. Una volta avvisati il proprietario o l’agenzia dell’intenzione di interrompere il contratto, si dovrà pagare l’ultimo mese di affitto ed attendere che il proprietario o l’agenzia restituiscano la caparra, sempre nel caso in cui l’immobile sia in buono stato. Se sono presenti danni o ristrutturazioni non autorizzate, la caparra potrebbe non essere restituita. Per questo motivo è importante lasciare l’appartamento nelle migliori condizioni e chiedere sempre il permesso al proprietario o all’agenzia quando si vogliono fare modifiche come appendere quadri, cambiare i mobili, fare ristrutturazioni o imbiancare le pareti. La caparra è una sorta di assicurazione per il proprietario che può usarla come risorsa economica nel caso in cui gli inquilini danneggino o modifichino gli elementi già esistenti nell’immobile. Nel caso in cui l’appartamento non sia ammobiliato, l’inquilino che interrompe il contratto deve lasciarlo vuoto e nelle stesse condizioni in cui lo ha trovato. Una volta terminato il trasloco, si restituiscono le chiavi al proprietario o all’agenzia. Se hai dubbi o domande su qualsiasi argomento relativo all’affitto di un appartamento puoi metterti in contatto con ShBarcelona.

Hai già interrotto un contratto  d’affitto? Ci racconti qualche aneddoto?

Vota questo post

Circa l'autore

Fabia

Fabia

Fabia è una traduttrice e content writer italiana che vive a Barcellona. Le sue vere passioni sono il viaggio, le lingue straniere e la lettura.

Lascia un commento