blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Imprese e start up

Gli incubatori aziendali aiutano le start up a Barcellona

shbarcelona-startup-barcellona
Scritto da Rosalinda

Gli incubatori aziendali hanno visto una forte crescita negli ultimi anni. Possono avere un ruolo cruciale nello sviluppo delle startup, generando così profitti. Le ricerche rilevano infatti che le aziende che fanno parte di un programma di incubazione hanno un tasso di sopravvivenza tre volte superiore delle aziende che non ne fanno parte. Te ne parliamo in questo articolo di ShBarcelona.

Articolo correlato: 5 business di successo in Spagna e a Barcellona

Gli incubatori aziendali e i business di successo

shbarcelona-incubatori-aziendali

Foto via Pixabay

Nel 1986, il consiglio comunale fondò Barcelona Activa, con l’obiettivo di migliorare la crescita economica della città e di promuovere le aziende, l’imprenditorialità e l’occupazione. L’iniziativa fornisce molti incubatori per le start up innovative. Gli incubatori si occupano di procurare una sede a più o meno 100 start up per un periodo di 3 anni, durante i quali esse ricevono uno spazio lavorativo, training, sviluppo delle opportunità e contatti con investitori. Le start up ammesse negli incubatori pagano un affitto agevolato di circa 9 € al metro quadro, che include anche tutti i possibili servizi online e non. L’83% delle aziende che hanno fatto parte degli incubatori restano in attività per i quattro anni successivi. L’incubatore Barcelona Activa Glories fornisce strutture di supporto e altri servizi come assistenza permanente e training per le compagnie appena nate. Nel 2012 sono state incubate 71 aziende. Un altro incubatore che fa parte della rete di Barcelona Activa è Almogàvers Business Factory (ABF), nato nel giugno del 2011 come un modello di collaborazione tra pubblico e privato, con membri che vanno dalle università alle aziende in cerca di talento. Chi si candida per entrare a far parte della ABF è interessato alla collaborazione con questi enti al fine di utilizzare i vantaggi dei loro servizi amministrativi e logistici dall’alto valore aggiunto. Al di là del consiglio comunale di Barcellona, la lista degli incubatori è molto estesa.

Seedrocket è un’iniziativa privata che fornisce un programma di finanziamento per imprenditori rivolto alle start up del settore tecnologico ed include finanziamenti, training e supporto che variano a seconda delle diverse necessità. I servizi includono uno spazio lavorativo condiviso per sfruttare al meglio le sinergie e contatti con investitori, mentori e investitori informali.Telefónica gestisce un incubatore nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e delle Comunicazioni (ICT) per start up legate al mondo del web o al software Wayra. L’incubatore opera attraverso una rete di paesi dall’America latina e dell’Europa. La loro accademia di Barcellona è stata creata nell’ottobre 2012 e nello scorso anno hanno ricevuto circa 400 candidature, di cui solo 10 sono state accettate. I candidati ammessi ricevono un finanziamento fino a € 50,000, spazi di lavoro, training ed accesso al network di Telefónica.

Articolo correlato: Multinazionali con sede a Barcellona

shbarcelona-incubatori-aziendali-barcellona

Foto via Pixabay

La Salle Technova Barcelona è un altro innovativo incubatore in ambito tecnologico. L’incubatore aiuta gli imprenditori a sviluppare una proposta commerciale e utilizza la conoscenza condivisa dai gruppi di ricerca universitari, dai dipartimenti di innovazione e dalle imprese. Il loro programma di supporto commerciale fornisce finanziamento, sviluppo tecnologico, ricerca di location e training. L’incubatore Incubio, invece, è specializzato in progetti che offrono servizi alle aziende e forniscono supporto finanziario e assistenza, dallo sviluppo dell’idea fino all’investimento privato. I costi di incubazione vengono divisi tra le imprese incubate, che potranno pagare quando avranno raggiunto il loro primo obiettivo, cioè il primo finanziamento esterno. Altri incubatori sono disponibili solo per alcuni periodi, grazie ai programmi messi a disposizione da organizzazioni internazionali come il Founder Institute, il più grande incubatore del mondo, e Seedcamp, nominato miglior incubatore europeo nel 2011. Decidere a quale incubatore affidarsi è una questione complicata. Le diverse opzioni variano secondo i prezzi, i servizi offerti e la qualità. Chiunque stia pensando di affidarsi ad un incubatore dovrebbe assicurarsi di scegliere quello giusto in base alla necessità della propria startup. Quali che siano i propri bisogni, gli imprenditori di Barcellona hanno l’imbarazzo della scelta.

Cosa ne pensi degli incubatori aziendali?

Vota questo post

Circa l'autore

Rosalinda

Rosalinda è un'appassionata scrittrice e viaggiatrice.

1 commento

Lascia un commento