blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Eventi

Gay Pride 2019 a Barcellona

shbarcelona-pride
Fabia
Scritto da Fabia

Il giorno dell’orgoglio gay, che adesso ha preso il nome di Gay Pride 2019, è un evento festivo e rivendicativo che ha l’obiettivo di dare visibilità al collettivo LGBT, oltre a promuovere la tolleranza e l’uguaglianza. Si tratta di uno degli eventi più attesi dell’anno a cui prendono parte moltissimi partecipanti; si celebra in varie città spagnole, ma Madrid e Barcellona ospitano le manifestazioni più importanti. Quest’evento è una divertente sfilata con musica, colori e senso dell’umorismo che abbraccia la diversità e rivendica la libertà sessuale. Oggi, in questo articolo di ShBarcelona ti parliamo del Gay Pride di Barcellona 2019.

Articolo correlato: I love hotel di Barcellona

Partecipa al Gay Pride nel capoluogo catalano

shbarcelona-gaypride

Foto via Pixabay

Alla fine di giugno, più precisamente il 28 e 29 giugno 2019, a Barcellona sarà celebrato il Pride BCN 2019. PRIDE BCN è un evento aperto a tutti coloro che vogliono parteciparvi, indipendentemente dall’orientamento sessuale o dal genere, uno spazio in cui dar voce e visibilità al collettivo LGBT, con l’obiettivo di celebrare la diversità e rivendicare la tolleranza per tutte quelle persone discriminate a causa del loro orientamento sessuale o del loro genere. Il messaggio del Gay Pride 2019 è il seguente: “Dobbiamo amarci di più. Amare chi viene da fuori, amare chi vive vicino a noi, amare chi è diverso e chi la pensa diversamente. Rispettarci di più. E amare di più noi stessi. Perché l’amore ha mille forme e mille colori. E molto spesso è l’unica cosa di cui abbiamo bisogno. Un po’ di amore. Un abbraccio. Un sorriso.” Bello vero? Ed è la verità. La vita a volte si riduce a un paio di banali modi di dire, che non per questo sono meno veritieri: “vivi e lascia vivere” e “tutto ciò di cui hai bisogno è l’amore”. Barcellona è sempre stata una città aperta e rispettosa della diversità, quindi perché cambiarla? È il momento di recuperare questo sentimento di apertura per accogliere tutte quelle persone la cui unica colpa è amare e sperare di essere amate a loro volta. Per questo è importante partecipare a questa coloratissima festa, uscire a divertirsi e urlare al mondo che per due giorni Barcellona è amore puro. E così come i partecipanti stessi dicono: “Sei come sei, vieni da dove vieni, tutto questo è per te”.

Articolo correlato: Tinder e altri modi per trovare l’amore a Barcellona

shbarcelona-gay-pride-barcellona

Foto via Pixabay

Il programma del Gay Pride inizia il 15 giugno con alcune attività di riscaldamento in vista della grandissima festa finale. Durante questa giornata, dalle 11.00 alle 20.00, potrai assistere a VERMUT TRANS, LOVERS & FRIENDS: amici, vermut, spettacoli e dj fino alle 20.00. Tutti i fondi raccolti saranno destinati all’organizzazione di giornate ed eventi di rivendicazione, sensibilizzazione e diffusione riguardanti tematiche e problematiche relative al collettivo transessuale. Si terrà nel Pge. Valeri Serra, 50. Domenica 16 giugno ci sarà il PRIDE @ TIBIDABO, una giornata dedicata ai giochi e alle famiglie organizzata all’interno del centenario parco divertimenti del capoluogo catalano. Sabato 22 giugno avrà luogo la MOSTRA DE COMERÇ AL GAIXAMPLE, in cui sarà possibile scoprire i negozi e le proposte del quartiere, con musica e animazione. Giovedì 27 giugno potrai assistere al PREGÓN DEL ORGULLO, con vari artisti e dj. Venerdì 28 e sabato 29 giugno inizia la festa nel gay village con molti concerti in Avenida María Cristina dalle 11.00 alle 02.00 di notte. Sabato 29, inoltre, alle 18.00 inizierà la manifestazione del gay pride in Avenida Paral.lel.

Hai già assistito al Gay Pride di Barcellona?

Vota questo post

Circa l'autore

Fabia

Fabia

Fabia è una traduttrice e content writer italiana che vive a Barcellona. Le sue vere passioni sono il viaggio, le lingue straniere e la lettura.

Lascia un commento