blog shbarcelona català   blog shbarcelona français   blog shbarcelona castellano   blog shbarcelona russian   blog shbarcelona português   blog shbarcelona   blog shbarcelona   blog shbarcelona
Gastronomia

El Bulli e il suo laboratorio segreto

Scritto da Federica

L’antico ristorante El Bulli si trovava a due passi da Las Ramblas, in una brulicante strada ricca di negozi, proprio dietro una strada che passa inosservata ai più. Centinaia di persone ci passano davanti ogni giorno, ignare della creatività culinaria che quella porta chiusa per molti anni ha nascosto dietro di sé. Si pensava che El Bulli fosse stato chiuso definitivamente, ma il cuoco stellato Ferran Adrià lo ha trasformato in un laboratorio di ricerca alimentare. Te ne parliamo in questo articolo di ShBarcelona.

Articolo correlato: Hidden Factory: il ristorante segreto di Barcellona 

Il segreto culinario di Barcellona

shbarcelona-elbulli

Foto di smashz via Visualhunt

Lo spazio utilizzato è diviso in tre parti, laboratorio, museo e ufficio. Una volta varcata la soglia d’ingresso ci accoglie un corridoio pieno di foto incorniciate, libri di cucina e DVD che mostrano l’impatto che Adrià e il suo team hanno avuto nel mondo. Una cornice in particolare spicca tra tutte, un documento che riporta la filosofia di El Bulli: “ Non ci sono orari, prenotazioni, abitudini, muri, certezze, nulla è già deciso, c’è il rischio e c’è la libertà creativa”. Il piano terra è diviso in cucina e spazio ufficio. La cucina è un mix di acciaio immacolato e lucide finiture in legno. 250 bottiglie sono allineate lungo uno dei muri, colmo di spezie, erbe e sapori provenienti da tutto il mondo. Altri muri invece sono ricoperti da disegni degli architetti del progetto della fondazione El Bulli, che ha aperto nel maggio del 2015.

Articolo correlato: La storia della fabbrica Moritz, un’icona di Barcellona

shbarcelona-elbullilab

Foto di smashz via Visualhunt

Il piano superiore ospita un museo dedicato a tutto ciò che ha avuto origine fin dai primi tempi di Ferran Adrià a El Bulli. Un assortimento di oggetti come le lattine di Pepsi di Ferran Adrià, diverse giacche da chef collezionate nel corso degli anni, copie firmate del film Ratatouille (dove Adrià lavorò come collaboratore) e stoviglie uniche, create appositamente per il ristorante. Si tratta di un archivio che raccoglie più di 30 anni di lavoro, tutti meticolosamente preservati e organizzati in un modo che rispecchia la dedizione e il duro lavoro di uno dei team culinari più famosi al mondo.

Conoscevi già El Bullilab?

Vota questo post

Circa l'autore

Federica

Federica è una scrittrice italiana ed appassionata di marketing che vive a Barcellona.

Lascia un commento